Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Le Commissioni di indagine che dal 9 aprile scorso hanno operato presso i Comuni di Aosta e Saint-Pierre, ai sensi dell'articolo 143 del "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti locali", che dispone le norme sullo "Scioglimento dei Consigli comunali e provinciali conseguente a fenomeni di infiltrazione e di condizionamento di tipo mafioso o similare" hanno consegnato martedì 8 ottobre al presidente della Regione le relazioni di competenza, al termine di un lavoro di sei mesi.



La Polizia di Stato ha denunciato, nella notte tra lunedì 7 e martedì 8 ottobre un diciannovenne rumeno e un diciottenne italiano per furto di auto. Durante un servizio svolto in orario notturno e mirato alla prevenzione e repressione della guida sotto l'effetto di sostanze alcoliche o stupefacenti, personale della Polizia Stradale ha sottoposto a controllo un'autovettura "Fiat Uno". 

Su un totale di 53.005 autocarri circolanti in Valle d'Aosta, quelli che appartengono alle categorie di emissione "euro zero", "1", "2" e "3" rappresentano la minoranza e sono 10.079, pari al 19 per cento del totale. Si tratta di veicoli immatricolati prima del 2006 e quindi caratterizzati da elevati livelli di emissioni. 

Nell'ambito dell'attività di contrasto agli illeciti valutari, i funzionari della "Agenzia delle dogane e dei monopoli" della sezione antifrode e controlli dell'ufficio delle dogane di Aosta hanno scoperto, lunedì 3 ottobre, in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza, una somma di denaro non dichiarato pari a 163.510 euro.

Un integratore per le cartilagini, una camicia sartoriale ed uno pneumatico "all season" per "Suv", sono i principali oggetti che vengono cercati dalla Valle d'Aosta per gli acquisti on line. Lo studio, realizzato a livello nazionale da "Trovaprezzi.it", il comparatore di prezzi online leader in Italia, ha svelato quali siano le preferenze degli italiani in fatto di acquisti online e come variano da regione a regione, tracciando una mappa delle intenzioni di acquisto digitali.

Dovrebbe risolversi il prossimo venerdì 11 ottobre, nell'udienza in Tribunale tra Regione ed associazione "Ccs Cogne", la questione relativa al debito di 191.656,91 euro che il circolo ha nei confronti dell'Amministrazione regionale per le spese di riscaldamento dal 2003 al 2016, dopo il rinvio della precedente, che era stata fissata il 4 ottobre.

E' durata tre giorni, da venerdì 4 a domenica 6 ottobre, la permanenza in Valle d'Aosta di Gianluca Fazio, «fotografo, digital content creator e blogger» come si definisce sul suo blog, precisando che «c'è chi mi definisce "influencer", o "travel influencer" ma sono termini che non mi vanno particolarmente a genio, perché la mia passione è viaggiare e raccontare, e il fatto che questo possa influenzare qualcuno è del tutto secondario». 


ilmeteo.it

Meteo Valle d'Aosta