Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Approvato il Calendario venatorio 2019 - 2020: "dedicata grande considerazione alla tutela delle specie"

comunicato stampa

La Giunta regionale, nel corso della riunione di oggi, venerdì 26 luglio 2019, su proposta dell’Assessore all’Ambiente, Risorse naturali e Corpo forestale Albert Chatrian, ha approvato il Calendario venatorio per la stagione di caccia 2019 - 2020.
Pur in continuità con quello dello scorso anno, il Calendario presenta alcune novità. In particolare, le classi di prelievo degli ungulati sono state aggiornate e riorganizzate secondo le Linee guida nazionali impartite dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, il Comitato regionale per la gestione venatoria è stato maggiormente responsabilizzato nella compilazione delle graduatorie di merito per l’assegnazione nominativa dei capi di ungulati e nella gestione delle braccate al cinghiale e, infine, è stata introdotta la possibilità di utilizzare strumenti termici per l’osservazione delle specie animali più elusive, come il cinghiale e il cervo, che, aumentando l’osservabilità di queste specie, possono potenzialmente concorrere al conseguimento del piano di abbattimento, contribuendo all’ottimizzazione della gestione del territorio agro-silvo pastorale .



Questo Calendario venatorio – dichiara l’Assessore Albert Chatrian – è il risultato del coordinamento tra l’Assessorato, il Comitato regionale per la gestione venatoria, la Consulta faunistica regionale e l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, enti che desidero ringraziare per la fattiva collaborazione. Nella definizione del documento abbiamo sempre dedicato grande considerazione alla tutela delle specie e la conseguente delibera, sottoposta alla Giunta e approvata oggi, rappresenta un punto di equilibrio positivo che viene incontro alle diverse esigenze e aspettative.