Gabriele Accornero, insieme a Davide Bochet ed a Francesco Maruca, «hanno alterato la gara per i lavori all'Opera Ferdinando»

redazione 12vda.it
L'Opera Ferdinando al Forte di Bard

Gabriele Accornero, in concorso con Davide Bochet e Francesco Maruca, è accusato del delitto previsto e punito dagli articoli 110 (Pena per coloro che concorrono nel reato, n.d.r.) e 353 bis del codice penale (Turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, n.d.r.), perché, in concorso tra loro, nelle seguenti rispettive qualità:
- Accornero, quale consigliere delegato dell'associazione "Forte di Bard", associazione costituita dalla Regione autonoma Valle d'Aosta (socio fondatore), nominato in data 26 aprile 012 dal consiglio di amministrazione presieduto dal presidente della Regione, Augusto Rollandin, quindi pubblico ufficiale ed incaricato di pubblico servizio;
- Bochet, in qualità di titolare di impresa individuale, partecipante alla gara e alla quale venivano affidati i lavori con il sistema dell'affidamento diretto, sia pure dopo lo svolgimento di gara informale;
- Maruca, in qualità di titolare di impresa individuale che presentava, tramite Bochet, un preventivo all'associazione Forte di Bard;

Mediante plurime e reiterate pianificazioni attuate con collusioni e mezzi fraudolenti consistiti, tra l'altro:
- nell'accordarsi, Accornero e Bochet, per l'affidamento diretto, al Bochet, dei lavori idraulici di rifacimento delle tubature dell'Opera Ferdinando, presso il Forte di Bard;
- nell'accordarsi, Accornero e Bochet, per l'artificioso frazionamento dei lavori al fine di non superare la soglia dei 40mila euro che avrebbe imposto il ricorso ad una procedura di evidenza pubblica; -nel redigere, Bochet, due preventivi, rispettivamente di euro 38mila ed euro 35.200, in tal modo non superando la soglia dei 40mila euro;
- nel giustificare, Accornero, l'affidamento diretto a Bochet attraverso l'attestazione di una situazione di urgenza assolutamente insussistente, considerato, oltretutto, che il guasto veniva individuato nel febbraio 2015 e i lavori venivano eseguiti nel novembre 2016;
- nel fornire, Maruca, due preventivi, rispettivamente di euro 41.530,24 datato 7 ottobre 2015 e di euro 32.397,55 datato 20 febbraio 2017, preventivi entrambi superiori a quelli di Bochet, redatti previo accordo con Bochet e di cui il secondo preventivo indicato consegnato al Forte di Bard dallo stesso Bochet.

Turbavano la gara oggetto dell'incanto alterando, nei modi su indicati, il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando e comunque dell'atto equipollente relativo ai lavori di sistemazione della rete idrica all'interno del padiglione espositivo del Forte di Bard denominato "Opera Ferdinando", così determinando, collusivamente e fraudolentemente, l'affidamento dei lavori a Davide Bochet, per gli importi di euro 38mila e di euro 30.636,82. Fatto commesso in Aosta e Bard fino al marzo 2017.

(3- continua)

Commenta..

Scrivi qui sopra il tuo commento alla notizia.

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il commento non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine

Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.