Due anni di indagini della Guardia di Finanza che contesta a ventidue indagati 140 milioni di euro di fondi «ingiustificati» al Casinò

comunicato stampa
Il 'Casino de la Vallée' di Saint-Vincent

Il Nucleo di polizia economico-finanziaria di Aosta (ex Nucleo di polizia tributaria) ha concluso dopo due anni di lavoro le indagini contabili e penali sulla gestione della "Casino de La Vallée SpA" di Saint-Vincent, società a totale partecipazione pubblica. Con le notifiche dei provvedimenti di mercoledì 7 febbraio, la Procura regionale della Corte dei Conti e la Procura della Repubblica di Aosta, attraverso una sinergica e persistente attività di direzione investigativa, hanno rispettivamente citato a giudizio ventidue persone (di cui ventuno componenti la Giunta ed il Consiglio Regionale ed un esponente di vertice della struttura burocratica regionale) e concluso le indagini nei confronti di otto persone tra amministratori della Casa da gioco ed assessori "pro tempore" al bilancio, finanze e patrimonio” della Regione autonoma Valle d'Aosta.

Le indagini delle Fiamme Gialle hanno quantificato e definito il danno cagionato alle casse pubbliche della Regione autonoma Valle d'Aosta, e quindi all'intera collettività, in circa 140 milioni di euro (€ 139.965.096,56), ottenuto dalla somma degli importi approvati dall'autorità politica allora in carica ed erogati, con varie modalità, alla Casa da gioco, nonostante ricorressero plurimi, univoci e tutti coerenti segnali di crisi strutturale, attraverso quattro delibere di concessione di finanziamento/aumento di capitale, da poco meno di cinquanta, dieci, sessanta e venti milioni di euro approvate, rispettivamente, il 20 luglio 2012, 20 settembre 2013, 23 ottobre 2014 e 10 dicembre 2015.

Le indagini penali. Falso in bilancio continuato ed in concorso nonché truffa ai danni dello Stato continuata ed in concorso, con danno di rilevante gravità, contestati agli amministratori e all'intero collegio sindacale in carica negli anni 2012-2015.Truffa ai danni dello Stato continuata ed in concorso, con danno di rilevante gravità, contestata ai tre assessori pro tempore della Regione autonoma Valle d'Aosta nel periodo 2012-2015, tutti con specifica delega al "Casinò de La Vallée" (l'ex presidente della Regione Augusto Rollandin, insieme a Mauro Baccega, attuale assessore alle opere pubbliche, ed a Ego Perron, consigliere regionale sospeso lo scorso 7 dicembre per la "legge Severino", n.d.r.).
Ritenuta consapevole della disastrosa situazione economico-patrimoniale del Casinò de La Vallée e della assoluta inconsistenza dei piani di sviluppo aziendale, l'intera governance della partecipata regionale in carica dal 2012 al 2015 (gli amministratori delegati Luca Frigerio e Lorenzo Sommo ed i membri del collegio sindacale Fabrizio Brunello, Jean Paul Zanini e Laura Filetti, n.d.r.), aveva esposto nei bilanci societari, attraverso studiati artifizi contabili, perdite di esercizio inferiori a quelle reali per decine di milioni di euro, nascondendo volutamente in questo modo la reale condizione economica societaria, fattore che, se correttamente illustrato, non avrebbe mai permesso di assicurarsi i finanziamenti pubblici dalla società finanziaria regionale deputata allo loro erogazione.
Analogamente, le indagini delle Fiamme Gialle hanno fatto ritenere pienamente consapevoli gli assessori al bilancio, finanze e patrimonio della Regione autonoma Valle d'Aosta, delegati ai rapporti con la partecipata e in carica nelle date di approvazione delle delibere milionarie, della reale situazione finanziaria della Casa da gioco. Risulta infatti come abbiano raggirato e indotto in errore la stessa Regione, e quindi la collettività, nonché la società finanziaria regionale cui è demandato il servizio di tesoreria, avendo consciamente presentato nella sede deliberativa bilanci di esercizio riportanti perdite dissimulate, quindi falsi, e "Piani di sviluppo industriale" conseguentemente irrealizzabili.

Le indagini contabili. La Procura regionale della Corte dei Conti, ritenendo le deduzioni presentate inidonee a superare gli addebiti formulati con l'invito del 27 giugno 2017, ha citato a giudizio, per responsabilità amministrativa, i ventuno componenti la Giunta ed il Consiglio regionale (oltre a Rollandin, Baccega e Perron sono indagati anche l'ex presidente della Regione Pierluigi Marquis, il senatore Albert Lanièce, gli attuali consiglieri regionali Luca Bianchi, Stefano Borrello, David Follien, Antonio Fosson, Giuseppe Isabellon, André Lanièce, Aurelio Marguerettaz, Marilena Péaquin, Claudio Restano, Emily Rini e Renzo Testolin, i consiglieri regionali sospesi Raimondo Donzel e Marco Viérin, gli ex consiglieri Leonardo La Torre ed Ennio Pastoret e l'attuale presidente del Consiglio Valle Joël Farcoz, n.d.r.) nonché il coordinatore del Dipartimento bilancio, finanze e patrimonio della Regione autonoma Valle d'Aosta (Peter Bieler, n.d.r.), contestando loro, in via principale a titolo di dolo e, in via gradata a titolo di colpa grave, i fatti per i quali il Nucleo di polizia economico-finanziaria ha indagato.
Inoltre, ha addebitato loro un danno erariale, ripartito tenendo conto dell'apporto causale di ciascuno alla causazione delle condotte produttive di nocumento, quantificato complessivamente in circa 140 milioni di euro.

«Ingiustificata dissipazione di provviste erariali di enorme consistenza». Con l'atto di citazione, il pubblico ministero contabile ha evidenziato come «i ripetuti interventi di soccorso finanziario al Casinò, pur se condotti con l'ostentato intento di perseguire finalità pubblicistiche, poiché posti in essere in spregio di ogni regola collocata a presidio di economicità, efficacia ed efficienza dell'utilizzo di risorse finanziarie pubbliche, si siano risolti nella ingiustificata dissipazione di provviste erariali di enorme consistenza», avendo dirottato tale denaro di proprietà della collettività «in operazioni di salvataggio di una società controllata in perdurante perdita, trascurando i numerosi ed inequivoci segnali che univocamente indicavano la pressocchè certa evaporazione delle nuove risorse somministrate per prolungare, in modo artificiale, la continuità aziendale di un soggetto imprenditoriale che non presentava prospettive di risanamento realmente credibili».
Il Presidente della Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Valle d'Aosta ha fissato la data di udienza del giudizio al 27 giugno prossimo.

Commenta..

Scrivi qui sopra il tuo commento alla notizia.

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il commento non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine

Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

12vda.tv per #Regionali2018

1. Pour Notre Vallée - Area Civica - Stella Alpina


2. Centro Destra VdA


3. Partito Democratico


4. Impegno Civico


5. Union Valdôtaine Progressiste


6. Alpe


7. Lega VdA


8. Union Valdôtaine


9. Mouv'


10. Movimento Cinque Stelle


Tutti i video su 12vda.tv