Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Cinquecento false "Fontina" sequestrate in un'azienda a La Thuile: "non idonee dal punto di vista sanitario"

comunicato stampa
Un magazzino di stagionatura della 'Fontina'

Il Corpo forestale della Valle d’Aosta comunica che il personale della stazione forestale di Pré-Saint-Didier, al termine di un indagine protrattasi per circa quaranta giorni e caratterizzata da sopralluoghi in alpeggio, acquisizioni documentali, esami testimoniali e acquisizione di perizie, ha posto sotto sequestro preventivo circa cinquecento formaggi, in una azienda agricola di La Thuile (il titolare è Aurelio Jacquemod, n.d.r.), destinati alla filiera "dop" prodotti in casere sconosciute all’Azienza Usl della Valle d’Aosta, privi di registrazione o riconoscimento ai sensi dell’articolo 6 del regolamento CE 852/04 o dell’articolo 4 del regolamento CE 853/04, non idonei da un punto di vista igienico sanitario.

Il sequestro è stato posto con la contestuale segnalazione all’autorità giudiziaria dei contitolari della società. Gli accertamenti hanno portato all’individuazione di condotte illecite poste in essere a danno del "Consorzio produttori tutela Fontina Dop" e della "Cooperativa produttori latte e Fontina". Tali condotte sono consistite nel produrre i formaggi in casere abusive, identificandoli in modo fraudolento mediante apposizione degli elementi di tracciabilità previsti dal disciplinare di produzione della "Fontina" (caseine e "Ctf") per poi immetterli nel circuito filiera "Fontina dop" consegnandoli alla "Cooperativa produttori latte e Fontina" in vista del successivo marchio del Consorzio.
I reati sottoposti al vaglio della Magistratura inquirente sono di carattere alimentare-sanitario, oltre alla frode in commercio aggravata in danno di prodotto "Dop", falsi e induzione in errore di pubblici ufficiali.

timeline