Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

La Polizia scopre, a Verrayes, nell'auto di un 37enne aostano tremila euro di eroina: arrestato, è stato scarcerato due giorni dopo

redazione 12vda.it
L'eroina trovata dai poliziotti

Antonio Sirianni, 37enne aostano, è stato arrestato, nel pomeriggio di mercoledì 17 maggio dagli agenti della "Squadra mobile" della Questura di Aosta per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio: «nel corso di un servizio di pattugliamento lungo la strada statale 26 - spiegano i poliziotti - nel Comune di Verrayes abbiamo fermato per un controllo un'autovettura sulla quale viaggiavano due individui, entrambi già con precedenti specifici per violazione delle norme sulle sostanze stupefacenti. Nel corso del controllo, in disponibilità dell'arrestato, è stato rinvenuto un involucro contenente stupefacente del tipo eroina. Il quantitativo, immesso nel mercato, avrebbe fruttato un introito di circa tremila euro».

Lo stupefacente è stato sequestrato e, nella giornata di venerdì 19 maggio, si è tenuta l'udienza di convalida dell'arresto: Sirianni è stato scarcerato dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Aosta, Davide Palladino, e costretto all'obbligo di dimora con presentazione all'autorità.

timeline

podcast "listening"