Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Valerio Staffelli ha consegnato il "tapiro" di "Striscia la notizia" a Rosaria Maria Siracusa. Nella notte, Flavio Insinna pubblica le sue scuse

redazione 12vda.it
Valerio Staffelli con Rosaria Maria Seracusa ed il marito Massimiliano

Basterà il tradizionale "Tapiro d'oro" per consolare Rosaria Maria Seracusa dagli insulti di Flavio Insinna, diffusi da "Striscia la notizia" nelle serate di martedì 23, e mercoledì 24 maggio? Probabilmente anche ad Antonio Ricci è venuto il dubbio di aver un po' calcato la mano con la messa in onda delle sfuriate del conduttore della trasmissione concorrente, registrate a sua insaputa durante le riunioni con gli autori di "Affari tuoi" e nei momenti di fuorionda, e quindi alle ore 19.30 di mercoledì 24 una troupe del telegiornale satirico di "Canale 5", con Valerio Staffelli, si è presentata a Quart, sotto la casa della Seracusa, mentre la famiglia stava per cenare e le ha consegnato il "premio", in quanto "attapirata".

«Un abbraccio di solidarietà a voi ed alla Valle d'Aosta». «Vogliamo portarvi un abbraccio di solidarietà a voi ed alla Val d'Aosta (sic.) - ha spiegato Staffelli, nel servizio andato in onda nella serata successiva, in apertura di un blocco di dodici minuti dedicato alla vicenda - siamo rimasti a bocca aperta, non sappiamo come sia potuta accadere una cosa del genere».
Rosaria Maria Seracusa, sempre sorridente, ha risposto alle domande dell'inviato di "Striscia la notizia", confermando le dichiarazioni che aveva già espresso prima a 12vda, poi a Giuseppe Cruciani della trasmissione radiofonica "La Zanzara" e quindi riprese da altre testate, ribadendo che Flavio Insinna «non ha mai usato questi toni con i concorrenti, anche se con gli autori spesso aveva degli alterchi e dei battibecchi, ma solitamente non davanti a noi».
Incalzata da Staffelli la Seracusa ha risposto alla critica di parlare con le mani davanti alla bocca, che tanto aveva fatto infuriare Insinna: «se gli davano fastidio poteva anche dirlo - ha aggiunto - si sa che la trasmissione non è in diretta ed avrebbe potuto anche dirmi "cambia", "girati", "sistemati". Non c'era bisogno di sicuramente arrivare a tanto, di offendere così, sono state offese pesanti».
Valerio Staffelli ha ribadito alla Seracusa, che aveva vicino i tre figli ed il marito «tutta la solidarietà di "Striscia"», criticando ancora il conduttore di "Affari tuoi": «come fa a dire che è non è una bella donna - ha aggiunto - ha gli occhi di giada».
«I gusti son gusti - ha poi risposto Massimiliano, il marito di Rosaria Maria Seracusa, coinvolto nella discussione, in quanto "attipirato" anch'esso - divideremo il "tapiro" a metà».

«Mi spiace e chiedo scusa a tutti, senza "se" e senza inutili "ma"». Nella notte sono poi arrivate le scuse ufficiali di Insinna: «Mi spiace e chiedo scusa a tutti, senza "se" e senza inutili "ma" - ha scritto su "Facebook" intorno alle ore 1.30 di venerdì 26 maggio - proprio a tutti, dalla prima all'ultima, dal primo all'ultimo. Le mie scuse sono rivolte anche a chi ha fornito immagini dal "Teatro delle Vittorie" e registrazioni audio prese dalle scale, fra i camerini e le nostre stanze. Sì, voglio davvero scusarmi anche con chi ha tradito la mia fiducia perché, purtroppo senza volerlo, li ho costretti a dare il peggio di loro stessi. Quasi quanto me. Mi spiace davvero. Sono sempre io, nel bene e nel male. Sul lavoro sono pignolo, ossessivo, incessante. E so distruggere in un istante tutto il bello che ho costruito fino a un attimo prima. Sono bravissimo a passare subito dalla parte del torto. Uno, nessuno, centomila. Grido, litigo, urlo, dico cose che non penso perché vorrei che tutto fosse sempre perfetto. Poi faccio battute in dialetto mischiate ai titoli dei film che amo. Odio i toni beceri ma poi sono un fenomeno a usarli. E' successo tante volte (mi sono sempre scusato), potrebbe accadere ancora. Ma ci metto sempre la faccia. Sempre in prima fila. In primissima se c'è da prendere i fischi. Gli applausi e i premi (chi mi conosce lo sa) amo condividerli con i compagni di viaggio. Ho sempre difeso un programma che amo, ingiustamente infangato da anni, sempre e comunque. Sì, sono questo e sono quello. Se adesso vi aspettate una lista di mie buone azioni, mi spiace, resterete delusi. Se avrete voglia o curiosità, le troverete da voi».


«Chi crede di distruggermi, mi ha fatto un grande regalo, la libertà». «Un'altra cosa che mi fa infinitamente tristezza, quanto le mie scenate - ha precisato ancora Flavio Insinna - è che tutta questa pornografia televisiva con filmatini e vendetta incorporata sia fatta per cercare qualche straccio di punto di ascolto in più. Adesso però siamo saliti, anzi scesi di livello. Gli insulti, l'odio, i filmati rubati dal buco della serratura sono soltanto contro di me. Odio allo stato puro. Chi crede di distruggermi, mi ha in realtà fatto un grande regalo: la libertà. La libertà di essere ai vostri e ai miei occhi semplicemente una persona. Ah, una cosa che non potete sapere, i miei amici sì, è che un minuto dopo la sfuriata sono il primo ad essere mortificato, il primo a tornare indietro per chiedere scusa: "Daje! Domani faremo tutti meglio. Io per primo. Grazie a tutti. Buonanotte"».

 

Valerio Staffelli consegna il "Tapiro" di "Striscia la notizia" a Rosaria Seracusa da 12vda su Vimeo.

timeline

podcast "listening"