Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Sergio Jovial trasferisce l'attività a Quart, stanco delle discussioni con il Comune di Aosta, che aveva cercato di farlo chiudere

redazione 12vda.it
Il piazzale vuoto lasciato da 'Jovial auto'

Il Comune di Aosta ha vinto, a tavolino, la sua battaglia contro Sergio Jovial, il commerciante di auto usate che lo scorso gennaio si è visto recapitare, nel piazzale di via Clavalité dove depositava i suoi veicoli, un'ordinanza di inibizione dell'attività per "assenza di titolo abilitativo", in quanto l'area è vincolata a parcheggio pubblico.
La Polizia stradale, dopo un controllo, aveva infatti contestato a Jovial l'uso improprio dell'area, seppur fosse privata e lui pagasse un regolare affitto, contestandogli il fatto che il commerciante svolgesse lì l'attività di compravendita auto, anche se, formalmente, la vendita delle auto avviene in agenzia: «credo che ci siano alcuni bisticci interpretativi delle regole - aveva raccontato - e dovremo far chiarezza», ma il dossier era finito in Comune dove la dirigente Elisabetta Comin aveva firmato l'ordinanza.

Dopo mesi di discussioni, Jovial e suo figlio André, che lo aiuta nell'attività commerciale hanno quindi deciso di trasfersi a Quart, in località Teppe 24, in una zona forse migliore rispetto a quella che hanno dovuto lasciare, lo scorso 23 maggio, "dimenticandosi" solo l'insegna, poi spostata nei giorni successivi, e, seminascosta, una vecchia "Nissan", sottoposta a sequestro giudiziario per confisca e quindi non spostabile.
Jovial non ha voglia di parlare della vicenda, è evidente che gli ultimi mesi devono essere stati molto difficili, visto che ha rischiato di chiudere l'attività commerciale che svolge da vent'anni: «non direi che ha vinto il Comune di Aosta - si confida André Jovial mentre sposta le ultime auto - ma semplicemente abbiamo deciso di non perdere più tempo su questa vicenda. Ce ne andiamo a Quart dove non avremo problemi di questo tipo».
Aosta perde così un'altra attività commerciale e le relative tasse, ma avrà a disposizione un'area adibita a parcheggio che, con tutta probabilità, resterà vuota ed inutilizzata, per la gioia del proprietario che, avendola ora sfitta, non pagherà al Comune le relative tasse sulla locazione.

Parafrasando Albert Einstein, che diceva che «la crisi è una grande opportunità» è quindi auspicabile che la nuova sede di "Jovial auto", ora in una zona assolutamente commerciale e di grande passaggio, per certi versi superiore a via Clavalité, potrà far ritornare il sorriso a Sergio Jovial, noto in tutta la Valle anche per il suo impegno nello "Charaban", il divertente e pungente teatro popolare valdostano dove chissà, forse in futuro, nascerà anche una pièce su questa paradossale vicenda.

Qui la gallery fotografica del piazzale vuoto di "Jovial auto" ad Aosta:

timeline

podcast "listening"