Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

La "Bcc valdostana" promuove quattro stage a neo-laureati valdostani in aziende del territorio: «evitiamo che i nostri giovani vadano altrove»

redazione 12vda.it
Alessandro Puccioni, Lodovico Passerin D'Entrèves, Marco Linty e Maurizio Barnabé

Ammonta a 14.400 euro il budget per il progetto "Potenzialità e talento", promosso dalla "Banca di credito cooperativo valdostana" in collaborazione con la "Fondazione Courmayeur" e la società "Deloitte e Touche SpA" che offrirà un massimo di quattro tirocini da seicento euro al mese per sei mesi: «alle borse di studio che già proponiamo ai soci e figli di soci - racconta Marco Linty, presidente della "Bcc valdostana" - aggiungiamo quest'iniziativa, vogliamo far incontrare laureati e laureandi con le aziende del territorio, per evitare la dispersione che porta i nostri giovani a lavorare altrove. Abbiamo già una quindicina di adesioni dalle aziende nostre socie».

«Il progetto è già noto in altre regioni - aggiunge Lodovico Passerin D'Entrèves, presidente della "Fondazione Courmayeur" - con "Deloitte" e "Bcc" siamo certi di avere partner di qualità. Terminare gli studi è un momento di instabilità ed ora vogliamo far incontrare le aspettative delle aziende e le delusioni dei giovani. Abbiamo aderito anche al progetto "alternanza scuola lavoro" e dedichiamo uno spazio ai giovani che vogliono proseguire gli studi. Inoltre l'osservatorio della montagna, che valuta la posizione della Valle d'Aosta, avvia ora il progetto "viticultori di montagna", con produzione di un "docufilm" che verrà diffuso dalla "Rai"».

«Finanziamo stage di sei mesi con seicento euro al mese - precisa Maurizio Barnabé, direttore della "Bcc valdostana" - non ci sono vincoli di indirizzo di studi, ma solo d'età, che non deve superare i trentun anni, e per i laureandi che abbiano completato gli esami, potrà solo mancare la tesi. La platea delle aziende con cui abbiamo già condiviso è sparsa su tutto il territorio, da Cervinia a Cogne. L'abbinamento del talento con l'azienda può avvenire secondo le esigenze dell'azienda, in un'ottica di crescita e di sviluppo».

I colloqui sono previsti nelle prime due settimane di settembre mentre gli stage partiranno ad ottobre: «il progetto è stato portato in altre Province come Cuneo ed Alessandria ed ha dato esito positivo portando all'assunzione del tirocinante - evidenzia Alessandro Puccioni di "Deloitte" - anche aziende che finora non avevano assunto neo-laureati o non avevano avviato nuovi progetti, adesso possono avere più fiducia e aprire una nuova attività. Valuteremo in base alle caratteristiche del curriculum del candidato e alle esigenze delle aziende. Durante lo stage il tirocinante avrà un tutor che verrà periodicamente aggiornato. Molto spesso poi l'azienda sente l'esigenza di assumere lo stagista, che per sei mesi ha seguito un progetto strategico, sul quale sarebbe sbagliato cambiare candidato».

timeline

podcast "listening"