Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Firmato il protocollo d'intesa tra Comune di Aosta e Questura della Valle d'Aosta per l'accesso alle immagini del sistema di videosorveglianza

redazione 12vda.it
il sindaco di Aosta Fulvio Centoz e il questore Andrea Spinello

"Gli occhi sulla città" è l'espressione usata dal Questore della Valle d'Aosta Andrea Spinello per indicare il sistema di videosorveglianza che, con un protocollo d'intesa, il Comune di Aosta, condivide con la Questura.  "E' un segno di maggior tranquillità e sicurezza - sottolinea il questore -  un modo per arrivare con gli occhi là dove non si può essere sempre presenti. E' vero che, come prescrive la normativa, resta il tempo di sette giorni per la conservazione delle immagini, ma è un tempo più che sufficiente per un intervento che, in genere, è molto rapido".
 

 

timeline