Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Incontro tra Laurent Viérin ed il direttivo "Adava", che chiede la regolamentazione delle locazioni turistiche brevi: «riapriamo il tavolo»

comunicato stampa
Laurent Viérin tra Camillo Rosset e Filippo Gérard

Laurent Viérin, assessore regionale al turismo, sport, commercio, agricoltura e beni culturali ha partecipato, lunedì 18 marzo, alla riunione del direttivo della "Adava", l'associazione valdostana degli albergatori e delle imprese turistiche della Valle d'Aosta. Il presidente dell'associazione, Filippo Gérard, ha aperto i lavori riportando a Viérin le istanze della categoria: «per quanto riguarda le locazioni turistiche brevi, le nuove forme di ospitalità sono un'opportunità e una risorsa importanti per il sistema turistico regionale - ha chiesto - ma bisognerebbe che venissero regolamentate, affinché tutti lavorino ad armi pari. E' poi necessario modificare l'attuale modello di determinazione degli importi dell'imposta di soggiorno, che dovrebbe essere estesa anche alle locazioni turistiche brevi da parte di privati, passando dal meccanismo legato alla media della dichiarazione tariffaria alla classificazione a stelle. Infine, in vista della prossima riforma dell'Office régional du Tourisme e del probabile finanziamento di alcune sue future attività con una parte di gettito dell'imposta di soggiorno, riteniamo importante non sottrarre risorse economiche alle Amministrazioni comunali che utilizzano tale tributo in maniera coerente con i principi enucleati nello stesso spirito della norma».

L'assessore ha fornito una panoramica delle attività che l'Assessorato ha messo in campo in questi mesi e che sta portando avanti: «a breve presenteremo il disegno di legge di riforma del turismo valdostano che porterà alla nascita dell'Ente unico di promozione turistica - ha annunciato Laurent Viérin - braccio operativo che metterà in campo strategie di studio dei mercati, promozione e marketing del prodotto Valle d'Aosta nel suo insieme, razionalizzazione e coordinamento delle manifestazioni e che comprenderà anche un "Comitato grandi eventi" con l'obiettivo di coordinare e promuovere in modo univoco le manifestazioni attraverso un'agenda unica degli eventi. La riorganizzazione prevede la separazione di funzioni tra Amministrazione regionale ed Ente strumentale, con la prima che si occuperà della strategia di sviluppo e di marketing oltre che del controllo e dell'analisi dei risultati e il secondo che interverrà nella strategia di promozione e comunicazione e nell'attuazione delle campagne e delle iniziative promozionali a sostegno di tutte le componenti dell'offerta».

L'appuntamento ha rappresentato anche l'occasione per parlare del disegno di legge sulle locazioni turistiche brevi: «il testo del disegno di legge propedeutico alla regolamentazione degli affitti brevi è pronto da tempo - ha aggunto l'assessore - e si era fermato per seguire l'evoluzione del dibattito a livello nazionale, dove diverse Regioni hanno normato il settore. Si tratta ora di riaprire il tavolo di confronto e coinvolgere tutti gli attori interessati e procedere poi con l'iter legislativo attraverso il confronto di tutte le parti in causa».

timeline

podcast "listening"