Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

La Regione ha deciso di spendere 50mila euro per la pubblicità delle manifestazioni estive per l'artigianato di tradizione su giornali, siti, radio, televisione e tovagliette

redazione 12vda.it
L'installazione del padiglione in piazza Chanoux ad Aosta

E' di quasi cinquantamila euro la spesa che l'Amministrazione regionale affronterà per la "promozione delle manifestazioni estive di artigianato di tradizione" che, nello specifico, per quello che si può desumere dai documenti ufficiali ancora consultabili, è pari a 46.959,44 euro.
L'obiettivo dichiarato è quello di "metter in campo azioni di comunicazione a sostegno di tali eventi e valutato, pertanto, di avvalersi della stampa a diffusione nazionale e locale che, per la capillare diffusione sul territorio, garantiscono una buona visibilità dei messaggi pubblicitari da veicolare, rivolgendosi, tra l'altro, ad un target turistico di prossimità che conosce e frequenta abitualmente la nostra regione e risulta particolarmente attento e interessato agli eventi, occasione di vacanza anche soltanto per pochi giorni".

Il grosso della "torta" finisce alla società "A. Manzoni & C. SpA" di Torino, per 24.034 euro, per tre mezze pagine su "La Stampa" di Torino, Nord-Ovest e Liguria, due mezze pagine su "La Sentinella del Canavese", una pagina su "Venerdì di Repubblica", due pagine su "La Stampa" di Aosta e due settimane di banner sulle sezioni di Torino dei siti di Repubblica e Stampa, su "taboola" e "ilmeteo".

La società "Publin Srl" di Merate, località in provincia di Lecco, incassa invece 9.272 per sedici mezze pagine su testate locali in Lombardia, Piemonte e Liguria, una settimana di banner su dieci siti e per "l'insertazione" di ventimila locandine su quattro testate locali piemontesi.
Come già successo in passato, l'Amministrazione regionale continua a spendere soldi sulla testata "Sugo News", una tovaglietta che dichiara di essere diffusa "in 280 locali di Torino e Piemonte": per 3.660 euro, sotto piatti e bicchieri si potrà leggere delle manifestazioni estive dedicate all'artigianato di tradizione valdostano: sono previste trentamila tovagliette e la distribuzione di cinquemila volantini.

La Regione spenderà anche 2.788 euro per un quarto di pagina sul quotidiano svizzero "Le Nouvelliste" e 1.878,80 euro per un terzo di pagina sul settimanale francese "Le Messager" mentre 1.966,64 euro andranno alla "Agenzia generale pubblicità" di Bergamo per la trasmissione di spot radiofonici promozionali sulle sue radio, "Radio Number One", "Radio Nostalgia", "Radio Sportiva", "Radio Cuore", "One Dance-Torino" e "Radio Nostalgia".

Per quanto riguarda la Valle d'Aosta, oltre alle due pagine su "La Stampa" che fanno parte del pacchetto da quasi ventimila euro alla "A. Manzoni & C.", 1.342 euro andranno a "Gazzetta matin" per due pagine di pubblicità ed un redazionale web, 1.098 euro a "La Vallée notizie" (venduta dalla "Publin"), per una pagina intera a colori, e 320 euro al "Corriere della Valle" per mezza pagina di pubblicità.
Infine, 610 euro sono stati stanziati per degli spot promozionali sul programma televisivo "La Valle d'Aosta in tv".
Complessivamente l'organizzazione delle manifestazioni estive dedicate all'artigianato di tradizione costano 277mila euro di fondi pubblici.

timeline

podcast "listening"