Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

La tenacia è il tema della decima edizione del festival "Les Mots", che inizia con David Riondino e Paolo Cognetti

comunicato stampa
Arnaldo Colasanti e Laurent Viérin

"Les Mots. Festival della parola in Valle d'Aosta" compie dieci anni, la decima edizione verrà inaugurata sabato 20 aprile prossimo, alle ore 11, nella tensostruttura di Aosta, appositamente allestita in piazza Chanoux per ospitare i numerosi eventi. All'interno troverà spazio la grande libreria temporanea, curata dai librai di Aosta, che rimarrà aperta tutti i giorni dalle ore 9 alle 23.

Ad aprire il festival (che costa quasi 245mila euro, n.d.r.) sarà David Riondino, cantautore, attore e regista che dialogherà con il direttore artistico Arnaldo Colasanti, sul tema conduttore di questa edizione: la tenacia. La programmazione continuerà del pomeriggio alle ore 16 con la presentazione del testo "I pionieri del Monte Rosa" curato da Pietro Crivellaro, che racconta la vera storia della nascita dell'alpinismo per proseguire poi, alle ore 17, con la presentazione del libro "Omini di pietra" dell'autore piemontese Marco Rolando ed, alle ore 18, con il libro "Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya" dello scrittore valdostano Paolo Cognetti.
Il primo appuntamento degli "Assaggi culturali", alle ore 19, vedrà protagonista l'opera di Rita Bonfanti, "La scelta del luccio", e la giornata si concluderà con il concerto del quartetto d'archi "Ignis" della "Haute École de Musique" di Losanna.

«Il festival, in questi dieci anni - ha evidenziato Laurent Viérin, assessore regionale al turismo, sport, commercio, agricoltura e beni culturali - è cresciuto ed è diventato un punto di riferimento culturale e di richiamo della nostra Regione oltre che un importante evento nel panorama dei festival culturali nazionali e internazionali. Anche per questa edizione il programma propone al mattino gli appuntamenti per le scuole e nel pomeriggio gli incontri con gli autori nazionali e le associazioni del territorio ed a seguire gli autori locali, abbinati alla degustazione dei vini delle aziende del territorio negli "assaggi culturali". Uno dei punti di forza di questa manifestazione è rappresentato dalla sinergia tra tutti i soggetti coinvolti e, in questo senso, va sottolineata l'importante collaborazione con la "Chambre valdôtaine des entreprises et des activités libérales", che rafforza il valore dell'iniziativa, il "Sistema bibliotecario regionale", la "Vival - Associazione viticoltori Valle d'Aosta" e la "Fisar"».

Per le serate, "Les Mots" propone anche concerti di diversi stili musicali, spettacoli teatrali e film. Molti degli incontri saranno animati da interventi musicali a cura dalla "Fondazione Maria Ida Viglino per la cultura musicale", la "Sfom", la scuola "Suzuki", l'Istituto musicale pareggiato della Valle d'Aosta, il Liceo musicale di Aosta ed artisti di fama nazionale. Le melodie di Carlo Benvenuto al pianoforte allieteranno invece i visitatori della libreria.
Protagonisti di "Les Mots" saranno soprattutto i libri, con autori di livello internazionale, i super premiati Paolo Cognetti, Emanuele Trevi, Luca Ricci, Romana Petri, Michele Caccamo ed Antonella Boralevi ed i raffinati scrittori Filippo Tuena e Nadia Terranova, filosofi come Giacomo Marramao e storici come Sergio Luzzatto.
Non mancheranno, altresì, gli appuntamenti con personaggi dello spettacolo, gli opinionisti Rosanna Sferrazza e Klaus Davi, il conduttore televisivo Massimiliano Ossini, le poetesse della canzone italiana Mariella Nava e Grazia Di Michele: «"Les Mots" - ha spigato Arnaldo Colasanti, direttore artistico della rassegna - è anche impegno per la legalità, con la presenza del magistrato, Consigliere di Stato, Francesco Caringella, promotore della firma di un protocollo sulla legalità, che vede la procura del nostro territorio al centro di un'ampia adesione istituzionale».

timeline

podcast "listening"