Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Passeur polacco arrestato dalla Polizia di Stato mentre trasportava cinque clandestini

comunicato stampa
Un blocco della Polizia di frontiera al Traforo del Monte Bianco

Nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di contrasto alla criminalità transfrontaliera e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina disposta dalla Direzione Centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle Frontiere e del dispositivo di sicurezza in atto con ordinanza del Questore di Aosta al Traforo del Monte Bianco, nella nottata tra giovedì 25 e venerdì 25 luglio, personale della Sottosezione Polizia di Frontiera T.M.B. e del Settore Polizia di Frontiera di Aosta, procedeva, sulla piattaforma italiana del Traforo del Monte Bianco, al controllo, in uscita dal Territorio Nazionale, di un veicolo Volkswagen Touran, con targa francese, con alla guida un cittadino polacco con a bordo 5 stranieri sedicenti di nazionalità siriani.
L’autista, E.G.Y. di anni 41, residente in Francia, è stato tratto in arresto per l’ipotesi aggravata del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina prevista dall’art. 12 comma 3bis Testo Unico Immigrazione. Veniva sequestrata una somma di denaro, probabile acconto per il compenso del viaggio e un telefono cellulare in uso all’autista, oltre al veicolo utilizzato.
A carico dell’arrestato, sottoposto a giudizio per direttissima dall’A.G., è stata disposta la custodia cautelare in carcere in attesa del giudizio che si terrà il 31 luglio 2019.

timeline