Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Per Alessia Favre ed Albert Lanièce «nessuno deve restare indietro». Anche la stabilizzazione dei rapporti con Roma tra gli obiettivi della lista "Vallée d'Aoste"

comunicato stampa
Alessia Favre ed Albert Lanièce, candidati della lista 'Vallée d'Aoste'

Siamo al termine della campagna elettorale dopo alcune settimane di incontri in tutta la Valle d'Aosta che hanno dato forza al progetto e lo hanno fatto crescere, ogni giorno di più. Comizi sul territorio, ma anche incontri con associazioni di volontariato, sindacati, rappresentanti di categoria per ascoltare le loro esigenze e in alcuni casi anche di aderire ai documenti che hanno condiviso con noi. Obiettivo comune di queste proposte la prospettiva futura per il rilancio dei settori produttivi, del terziario, dell'agricoltura, ma anche del volontariato, delle associazioni che sono al fianco di chi è in difficoltà per problemi di salute e di rischio emarginazione. Lo abbiamo detto più volte nei nostri incontri: nessuno mai deve restare indietro, in ambiti di diritti della persona e di welfare come nel campo dell'educazione e della scuola non possiamo parlare di spese, ma di investimenti, con misure che devono essere sempre al centro dell'agenda politica di un governo nazionale. Il nostro impegno è sostenere provvedimenti legislativi a favore della salute pubblica, delle famiglie e dei servizi che possono essere utili, come ad esempio nella conciliazione dei tempi di lavoro con le esigenze familiari. Sosterremo la "Carta dei servizi per la famiglia" che aiuti chi ha figli al di sotto dei sei anni e le giovani coppie che cercano di emanciparsi senza dimenticare il tema della denatalità che colpisce l'Italia e la Valle d'Aosta. Dovremo lavorare per ridurre la pressione fiscale sulle imprese, evitare l'aumento dell'IVA nel 2019. La vera sfida poi è il lavoro per garantire condizioni di stabilità e rispetto dei diritti dei lavoratori, fondi per la formazione sfruttando le opportunità derivanti da professioni innovative nel turismo culturale e valorizzazione dell'ambiente.
Uno dei pilastri da porre al centro dell'azione politica è la stabilizzazione dei rapporti finanziari tra la Regione e lo Stato. Solo così potremo garantire alla comunità valdostana la possibilità concreta di gestire le risorse per il suo sviluppo socio-economico. E' necessario che il carattere pattizio dello Statuto speciale sia riconosciuto e concretizzato nella costituzionalizzazione del principio della «previa intesa» tra Stato e Regione.
Intendiamo sostenere politicamente i governi che lavorino per un'azione riformatrice e di modernizzazione del paese, che si impegnino a promuovere l'autonomia delle regioni in particolare quelle a Statuto Speciale che mettono in campo un'esperienza originale e pluridecennale da prendere a modello a livello nazionale. Intendiamo rappresentare a Roma le esigenze della comunità valdostana e avere un ruolo attivo a favore delle politiche per la montagna per porre in evidenza la fragilità e le particolarità socio-economiche dei territori montani.
Gli incontri avuti con la popolazione in queste settimane ci hanno permesso un confronto e una condivisione sul futuro assetto della Valle d'Aosta. La nostra non è solo una corsa elettorale, ma lavoriamo su un progetto politico serio, autentico e concreto. Condividiamo con forze autonomiste e progressiste i valori e gli ideali con una visione del futuro per lo sviluppo socio-economico da qui a 20 anni. Siamo convinti che il nostro sia l'unico progetto politico per dare stabilità alla nostra comunità. Votare per noi significa votare per chi conosce, vive e amministra il proprio territorio non dall'interno di una casta o dal pulpito di una «asettica società civile», ma con un contatto diretto, quotidiano, fatto di esperienza sul territorio, tra la gente, in Regione e in Parlamento. Crediamo nella militanza e nella politica come impegno e servizio verso la nostra comunità.

Alessia FAVRE – Albert LANIECE
Lista Vallée d'Aoste

[Informazione elettorale]

timeline

podcast "listening"