Si sono salvate le due gemelline investite ad Aosta, nel passeggino, condotto dalla madre, che attraversava le strisce pedonali

redazione 12vda.it
La zona di via Roma dove sono state investite le gemelline

Due gemelle di tredici mesi hanno riportato contusioni definite "non gravi" dai medici del "Pronto soccorso" di Aosta dopo essere state investite in via Roma, poco dopo mezzogiorno di domenica 19 agosto, sulle strisce pedonali di regione Consolata, da un'utilitaria "Daewoo" condotta da un 75enne: «quando l'auto ha colpito il passeggino e me l'ha strappato di mano - racconta la mamma, ancora spaventata per l'accaduto - non ho sentito piangere le bambine ed ho pensato di averle perse per sempre».

La donna, per lo shock, ha perso i sensi, ma è stata rianimata da un passante che ha assistito all'accaduto ed ha prestato i primi soccorsi, evitando anche che la situazione denegerasse: «l'automobilista voleva scappare via - aggiunge il padre, mentre in ospedale coccola una delle due gemelline, che presenta una grossa contusione in testa, oltre a diversi graffi su un braccio - ma l'abbiamo fermato e lui, per giustificarsi, ha detto che non le ha viste. Peccato che un passeggino a due posti sia piuttosto grosso».

Sul posto, oltre al padre ed allo zio delle gemelline, sono arrivati gli operatori del "118" della Valle d'Aosta che hanno soccorso le bimbe e le hanno trasferite al vicino "Pronto Soccorso", mentre i rilievi e le indagini sul caso sono competenza della Polizia Locale di Aosta, che dovranno anche ascoltare i diversi testimoni che hanno assistito all'accaduto. E' probabile che all'anziano conducente possa venire ritirata definitivamente la patente di guida.
L'incidente è avvenuto in una zona dove il limite di velocità è fissato, da sempre, a cinquanta chilometri orari ma non ci sono controlli né "autovelox" (finti o reali) che verifichino il rispetto del codice della strada, nonostante ci siano diversi passaggi pedonali chiaramente segnalati: proprio nelle vicinanze delle strisce pedonali dove è avvenuto l'incidente sono numerosi i segni lasciati sull'asfalto, traccia evidente di frenate all'ultimo momento.

Le due bambine, dopo i necessari controlli di rito, sono state ricoverate nel reparto di pediatria dell'ospedale "Beauregard" con una prognosi di sette giorni. Solo dopo diverse ore la madre si sta riprendendo dallo shock: «ma se penso a quello che poteva succedere - confida - ricomincio a tremare».

ultimo aggiornamento: 
Domenica 19 Agosto '18, h.16.45