Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Tutti i 279 candidati alle elezioni europee del 26 maggio della Circoscrizione "nord-ovest", suddivisi in sedici liste, nessuna delle quali ha raccolto le firme

redazione 12vda.it
La bandiera dall'Unione europea

Sono divisi in sedici liste i 279 candidati alle elezioni europee del 26 maggio prossimo della Circoscrizione "nord-ovest" che raggruppa le regioni Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria e Lombardia ed elegge venti dei 76 europarlamentari italiani. Le liste, per essere valide, devono raccogliere 30mila firme a supporto per ciascuna delle cinque Circoscrizioni in cui si presentano, quindi almeno 150mila firme totali, formalità che viene meno per chi è già rappresentato nel Parlamento europeo o in quello del relativo Paese, associando quindi nel simbolo elettorale il relativo gruppo di riferimento.

Così i "Popolari per l'Italia", lista che raccoglie "Popolari, Democratici e Cristiani insieme in Europa" fanno parte del "Ppe - Partito popolare europeo", il gruppo numericamente più grosso, che conta 217 deputati, mentre il "Partito Animalista" presenta il simbolo "Animal Politics Eu" gruppo formato nel 2019 da due eurodeputati, l'olandese Anja Hazekamp del "Partito per gli animali" ed il tedesco Stefan Eck del "Partito per l'umanità, l'ambiente e la protezione degli animali".
Analogamente il "Partito Pirata", si appoggia a Julia Reda, l'eurodeputata tedesca che ha creato il gruppo del "Partito Pirata" a Bruxelles così come il "Partito Comunista", che dichiara di far parte del movimento transnazionale "Iniziativa dei Partiti comunisti e Operai d'Europa", che al Parlamento europeo è rappresentato da due deputati greci Athanasios Pafilīs e Giorgos Toussas del "Kke - Kommounistiko Komma Elladas", iscritti al gruppo misto.

Il simbolo della lista della "Lega Salvini Premier" è identico a quello presentato in occasione delle elezioni politiche del 2018, mentre "+Europa - Italia in Comune - Pde Italia" presenta il simbolo del "Partito Democratico Europeo - Pde" che raccoglie dieci eurodeputati, così come "La Sinistra", che ha dentro il suo logo i simboli di "Gue/Ngl - Groupe Gauche Unitaire Européenne - Nordic Green Left" e del "Partito della Sinistra europea" che complessivamente contano diciassette parlamentari. Anche la lista del "Popolo della Famiglia - Alternativa Popolare" si riconosce nel "Ppe" mentre "Europa Verde" fa parte del "Partito Verde Europeo - Europeans Green Party" con 44 parlamentari.
"Forza Italia" ed il "Partito Democratico" sono rappresentati a Bruxelles, ma il movimento guidata da Nicola Zingaretti ha comunque voluto inserire il logo del "Partito del Socialismo europeo - Pse". La lista delle minoranze linguistiche "Autonomie per l'Europa", apparentata con il PD, ha invece nel senatore valdostano Albert Lanièce dell'Union Valdôtaine il suo rappresentante al Parlamento nazionale.
"Forza Nuova" ha inserito nel suo simbolo il logo della "Alliance for peace and freedom - Apf", il gruppo di estrema destra con cinque eurodeputati, così come la coalizione "Casapound Italia - Destre Unite" che si è agganciata al partito europeo antieuropeista "Aenm - Alleanza europea dei movimenti nazionalisti", guidato dall'ungherese Bela Kovacs, accusato di essere una spia russa.
"Fratelli d'Italia" ed il "Movimento Cinque Stelle", che presentano eletti nel Parlamento italiano, si sono presentati con gli analoghi simboli utilizzati nelle elezioni politiche del 2018.

Qui di seguito i nomi di tutti i candidati della Circoscrizione nord-ovest, così come compaiono nelle sedici liste, con il luogo e la data di nascita.

Popolari per l'Italia
Alessandra Ferrara (Chiavari, 22 agosto 1959)
Piero Pirovano (Milano, 4 giugno 1941)
Dalal Nabih (Marocco, 21 febbraio 1985)
Giorgio Agnellini (Brescia, 29 dicembre 1955)
Paola Evangelisti (Napoli, 4 luglio 1965)
Giuseppe Prete (Lecce, 18 settembre 1960)
Addolorata Longo (Foggia, 23 gennaio 1952)
Bruno Gerli (Milano, 26 aprile 1963)
Noemi Paola Riccardi (Fondi, 24 aprile 1966)
Maurizio Carlo Giuseppe Imbimbo (Milano, 1° agosto 1974)
Emanuela Peter (Livorno, 19 maggio 1969)
Fabrizio Scaravella (Piacenza, 1° agosto 1961)
Sonia Vicino (Pinerolo, 5 settembre 1981)
Luca Damian (La Spezia, 17 agosto 1968)
Maria Leone (Milano, 15 novembre 1966)
Gianmario Luigi Ferramonti (Valsaviore, 3 settembre 1953)
Delia Milanesio (Pinerolo, 29 marzo 1975)
Markus Johannes Krienke (Germania, 28 febbraio 1978)
Enrico Maria Tacchi (Busto Arsizio, 8 dicembre 1951)

Partito Animalista
Cristiano Ceriello (Napoli, 4 luglio 1974)
Isabella Campana (Cariati, 2 aprile 1982)
Alberto Musacchio (Cuneo, 13 gennaio 1961)
Anna Tonia Ravicini (Boussù Belgio, 10 maggio 1966)
Daniela Rinaldini (Napoli, 25 marzo 1972)
Annunziata Bruno (Nocera Inferiore, 29 maggio 1967)
Alberto Montoro (Nocera Inferiore, 31 marzo 1967)
Luisantonio Zanin (Marostica, 19 settembre 1987)

Partito Pirata
Luigi Di Liberto (Torino, 24 maggio 1952)
Cristina Diana Bargu (Bacau Romania, 26 gennaio 1994)
Alessandro Ciofini (Arezzo, 17 gennaio 1971)
Monica Amici (Roma, 26 giugno 1966)
Paul Stephen Borile (Dearborn Usa, 16 febbraio 1964)
Sara Bonanno (Brescia, 6 ottobre 1964)
Fabio Aaron Brancotti (Seregno, 13 marzo 1964)
Stefania Calcagno (Genova, 8 agosto 1970)
Luigi Gubello (Portogruaro, 1° dicembre 1991)
Valentina Piattelli (Firenze, 12 giugno 1972)
Marco Ciurcina (Roma, 5 febbraio 1965)
Maria Chiara Pievatolo (Firenze, 12 luglio 1963)
Carlo Piana (Omegna, 25 settembre 1968)
Rosaria Talerico (Catanzaro, 19 aprile 1978)
Marco Anselmo Luca Calamari (Lucca, 17 settembre 1955)
Aram Gurekian (Montebelluna, 23 giugno 1970)
Felice Zingarelli (Andria, 19 giugno 1964)

Partito Comunista
Marco Rizzo (Torino, 12 ottobre 1959)
Laura Bergamini (Parma, 14 maggio 1960)
Guido Ricci (Genova, 22 aprile 1960)
Giovannina Bastone (Carfizzi, 12 gennaio 1960)
Lorenzo Lang (Roma, 5 aprile 1993)
Silvia Stefani (Genova, 21 luglio 1963)
Georgios Apostolou (Atene Grecia, 10 luglio 1954)
Rosa De Matteis (Gallipoli, 3 maggio 1967)
Ciro Massimo Argentino (Torino, 27 maggio 1971)
Eleonora D'Antoni (Roma, 24 marzo 1957)
Luca Ricaldone (Milano, 8 marzo 1964)
Ingrid Sattel (Kaiserslautern Germania, 26 ottobre 1937)
Angelo Davoli (Genova, 8 gennaio 1960)
Laura Biancini (Roma, 26 luglio 1947)
Graziano Gullotta (Catania, 30 settembre 1986)
Lucia Firmani (Roma, 22 ottobre 1963)
Giovanni Barbieri (Palermo, 12 giugno 1985)
Maria Eugenia Scaramozzino (Torino, 4 settembre 1992)
Canzio Giuseppe Visentin (Paderno Dugnano, 23 aprile 1957)
Daniela Giannini (Roma, 22 febbraio 1961)

Lega Salvini Premier
Matteo Salvini (Milano, 9 marzo 1973)
Heidi Monica Andreina (Sarnico, 27 luglio 1967)
Marco Campomenosi (Genova, 2 settembre 1975)
Alessandra Cappellari (Castiglione Delle Stiviere, 1° maggio 1976)
Marta Casiraghi (Missaglia, 14 febbraio 1948)
Dante Cattaneo (Rho, 7 maggio 1983)
Angelo Ciocca (Pavia, 28 giugno 1975)
Gianna Gancia in Calderoli (Bra, 31 dicembre 1972)
Danilo Oscar Lancini (Rovato, 15 ottobre 1965)
Pietro Antonio Marrapodi (Casignana, 19 agosto 1973)
Laura Molteni (Milano, 29 luglio 1960)
Alessandro Panza (Domodossola, 15 maggio 1982)
Vittoria Poggio (Alessandria, 21 dicembre 1952)
Cristina Porro (Albenga, 19 novembre 1971)
Marco Racca (Savigliano, 2 febbraio 1982)
Paolo Sammaritani (Aosta, 19 luglio 1959)
Silvia Serafina Sardone (Milano, 25 dicembre 1982)
Isabella Tovaglieri (Busto Arsizio, 25 giugno 1987)
Stefania Zambelli (Salò, 6 aprile 1971)
Marco Zanni (Lovere, 11 luglio 1986)

+Europa - Italia in Comune - PdE Italia
Benedetto Della Vedova (Sondrio, 3 aprile 1962)
Silvia Manzi (Foggia, 24 luglio 1973)
Paola Letizia Coggi (Como, 3 maggio 1953)
Marco Marazzi (Terracina, 17 gennaio 1969)
Giulia Pastorella (Milano, 5 giugno 1986)
Gabriele Molinari (Vercelli, 22 giugno 1975)
Dino Guido Rinoldi (Sacile, 18 novembre 1951)
Cristina Bagnoli (Siena, 13 gennaio 1982)
Maurizia Bertoncini (Torino, 14 maggio 1965)
Igor Boni (Torino, 10 maggio 1968)
Bara Inoussa (Burkina Faso, 1° gennaio 1969)
Elena Marcellino (Carmagnola, 18 settembre 1976)
Alessandra Micalizzi (Catania, 5 novembre 1978)
Stefano Morcelli (Sondalo, 8 maggio 1992)
Lia Orfei (Roma, 13 ottobre 1974)
Mirko Paulon (Como, 30 settembre 1974)
Daniela Poggio (Acqui Terme, 30 maggio 1975)
Marco De Andreis (Roma, 14 febbraio 1955)
Lorenzo Tosa (Genova, 23 settembre 1983)
Martina Riva (Milano, 5 febbraio 1993)

La Sinistra
Eleonora Cirant (Milano, 9 settembre 1973)
Massimo Amato (Milano, 12 maggio 1963)
Maria Gabriella Branca (San Canzian D'Isonzo, 13 maggio 1957)
Alberto Anghileri (Lecco, 24 ottobre 1953)
Cristina Elisa Cattafesta (Milano, 26 giugno 1956)
Rosario Carvelli (Genova, 29 giugno 1978)
Valentina Cera (Moncalieri, 29 ottobre 1981)
Paolo Ferrero (Pomaretto, 17 novembre 1960)
Silvana Cesani (Milano, 28 febbraio 1955)
Aniello Fierro (Cuneo, 18 ottobre 1983)
Chiara Giordano (Aosta, 23 marzo 1981)
Roberto Pompilio Giudici (Cantù, 28 dicembre 1952)
Sonia Modenese (Biella, 29 luglio 1967)
Luca Massironi (Sesto San Giovanni, 24 novembre 1992)
Daniela Padoan (Bologna, 25 novembre 1958)
Paolo Narcisi (Pinerolo, 1° maggio 1963)
Rahel Sereke (Roma, 23 febbraio 1978)
Argyrios Panagopoulos (Grecia, 4 novembre 1961)
Cristina Torli (Gavardo, 6 agosto 1976)
Mirko Rauso (Potenza, 4 marzo 1978)

Popolo della Famiglia - Alternativa Popolare
Paolo Alli (Legnano, 6 luglio 1950)
Gabriella D'Amato (Mondragone, 1° febbraio 1970)
Giancarlo Archetti (Brescia, 3 gennaio 1957)
Silvia Camilla Avagnina (Chiavari, 14 giugno 1993)
Marco Ghirardello (Torino, 28 ottobre 1989)
Cristina Laganà (Trescore Balneario, 1° gennaio 1978)
Luca Avagnina (Torino, 28 marzo 1960)
Emanuela Pongiluppi Eleuteri (Roma, 8 giugno 1968)
Naurizio Berger (Pinerolo, 17 febbraio 1970)
Giuliana Ghione (Pinerolo, 2 marzo 1973)
Marko Rus (Slovenia, 9 ottobre 1942)
Sandra Margaretta Anna Bonagnini (Canada, 27 aprile 1967)
Giovanni Grasso (Castiglione Delle Stiviere, 25 gennaio 1990)
Stefania Parma (Brescia, 9 settembre 1964)
Salvatore Angelo Pintus (Villa San Giovanni, 14 marzo 1948)
Mara Festa (Torino, 2 marzo 1969)
Roberto Frecentese (Arezzo, 7 giugno 1954)
Margherita Ruffino (Canale, 2 agosto 1948)

Europa Verde
Elena Eva Maria Grandi (Milano, 8 febbraio 1960)
Domenica Finiguerra (Milano, 3 settembre 1971)
Francesca Druetti (Moncalieri, 2 febbraio 1983)
Antonio Caputo (Ginestra, 12 ottobre 1949)
Silvia Parodi (Genova, 29 maggio 1972)
Maurizio Parodi (Pontremoli, 29 dicembre 1956)
Dario Balotta (Grontardo, 12 agosto 1953)
Ilaria Barbonetti (Milano, 1° marzo 1984)
Giuseppe Civati (Monza, 4 agosto 1975)
Martina Comparelli (Milano, 11 maggio 1993)
Paolo Crosignani (Novara, 21 luglio 1948)
Veronica Dini (Firenze, 31 maggio 1974)
Enrico Fedrighini (Castellammare di Stabia, 7 giugno 1959)
Antonio Limardi (Asti, 1° settembre 1965)
Marco Moro (Padova, 16 agosto 1961)
Tiziana Mossa (Torino, 29 maggio 1978)
Maria Silvia Angela Concetta Pettinicchio (Milano, 7 maggio 1971)
Paolo Pinzuti (Tradate, 22 agosto 1978)
Benedetta Rinaldi (Tirano, 10 aprile 1984)
Chiara Rossini (Brescia, 19 marzo 1975)

Forza Italia
Silvio Berlusconi (Milano, 29 settembre 1936)
Lara Comi (Garbagnate Milanese, 18 febbraio 1983)
Massimiliano Salini (Soresina, 11 marzo 1973)
Giuseppina Versace (Reggio Calabria, 20 maggio 1977)
Annalisa Baroni (Mantova, 20 ottobre 1959)
Daniela Ruffino (Torino, 7 febbraio 1959)
Amir Atrous (Castelvetrano, 25 marzo 1992)
Salvatore Barbagallo (Catania, 1° giugno 1969)
Damiano Bormolini (Livigno, 22 dicembre 1965)
Cinzia Maria Bosso (Pinerolo, 15 luglio 1966)
Benedetta Gaia Cosmi (Velletri, 9 settembre 1983)
Elisabetta Fatuzzo (Vercelli, 17 settembre 1968)
Francesco Graglia (Fossano, 10 luglio 1969)
Massimiliano Grimaldi (Bergamo, 31 agosto 1966)
Matteo Motta (Milano, 16 novembre 1970)
Roberta Paparatto (Reggio nell'Emilia, 12 gennaio 1986)
Mauro Parolini (Desenzano sul Garda, 17 maggio 1958)
Maria Rosa Assunta Porta (Novi Ligure, 18 agosto 1961)
Pietro Tatarella (Milano, 13 settembre 1983)
Claudia Toso (Milano, 6 marzo 1975)

Partito Democratico
Giuliano Pisapia (Milano, 20 maggio 1949)
Irene Tinagli (Empoli, 16 aprile 1974)
Antonio Enrico Morando (Arquata Scrivia, 30 settembre 1950)
Patrizia Ferma Francesca Toia (Pogliano Milanese, 17 marzo 1950)
Brando Maria Benifei (La Spezia, 1° gennaio 1986)
Mercedes Bresso (Sanremo, 12 luglio 1944)
Caterina Avanza (Brescia, 6 aprile 1981)
Giuliano Faccane (Imola, 21 settembre 1949)
Monica Bersanetti (Ferrara, 8 maggio 1959)
Piero Graglia (Sanremo, 18 aprile 1963)
Ivana Borsotto (Fossano, 18 novembre 1965)
Pierfrancesco Majorino (Milano, 14 maggio 1973)
Edda Crosa (Borgosesia, 28 agosto 1957)
Giovanni Farina (Caiolo, 10 gennaio 1941)
Anna Mastromarino (Torino, 19 aprile 1975)
Pier Luigi Mottinelli (Cedegolo, 12 gennaio 1964)
Angelica Radicchi (Genova, 12 settembre 1989)
Carmine Pacente (Vallo della Lucania, 1° gennaio 1978)
Ernestina Signoroni Lomi (Lodi, 12 gennaio 1947)
Daniele Viotti (Alessandria, 8 marzo 1974)

Autonomie per l'Europa
Marco Gheller (Aosta, 21 giugno 1985)
Isa Maggi (Linarolo, 10 ottobre 1957)
Giacomo Lombardo (Crissolo, 26 maggio 1943)

Forza Nuova
Roberto Fiore (Roma, 15 aprile 1959)
Roberta Perrone (Milano, 6 dicembre 1978)
Duilio Canu (Milano, 24 maggio 1969)
Angela Verdicchio (Lecce, 17 maggio 1990)
Salvatore Ferrara (Brescia, 2 settembre 1963)
Perla Polezzo (Milano, 8 agosto 1972)
Stefano Rosario Saija (Torino, 29 marzo 1973)
Francesca Frigerio (Como, 15 luglio 1966)
Claudio Negrini (Sermide, 8 settembre 1955)
Carmela Cortese (Maddaloni, 6 maggio 1972)
Vincenzo Santangelo (Asti, 12 maggio 1971)
Francesca Morucchio (Torino, 14 luglio 1981)
Andrea Moretti (Ameglia, 14 novembre 1945)
Antonella Bottarelli (Cittiglio, 20 settembre 1961)

Casapound Italia - Destre Unite
Simone Di Stefano (Roma, 12 agosto 1976)
Angela De Rosa (Torre del Greco, 17 agosto 1973)
Massimiliano Panero (Savigliano, 2 settembre 1972)
Elisabetta Berta (Vercelli, 26 giugno 1959)
Ronni Bottazzi (Mantova, 16 febbraio 1991)
Lorenzo Cafarchio (Voghera, 9 luglio 1990)
Sergio Carù (Bergamo, 8 luglio 1946)
Cristina Cassarin (Torino, 13 febbraio 1964)
Allegra Miriam Cavalli (Milano, 12 giugno 1986)
Paolo Cianalino (Torino, 14 giugno 1969)
Giuseppe Lauria (Cuneo, 3 maggio 1961)
Patrizia Liberale (Torino, 17 febbraio 1961)
Adriana Mantoan (Torino, 18 gennaio 1964)
Marco Mori (Rapallo, 29 settembre 1978)
Morena Pollini (Varese, 2 gennaio 1974)
Marco Racca (Chieri, 1° settembre 1983)
Stefano Scopacasa (Aosta, 31 agosto 1992)
Lucia Siciliano (Antoninina, 15 dicembre 1956)
Giulia Zenesini (Desenzano del Garda, 13 settembre 1992)

Fratelli d'Italia
Giorgia Meloni (Roma, 15 gennaio 1977)
Francesco Alberoni (Borgonovo Val Tidone, 31 dicembre 1929)
Giovanni Berrino (Sanremo, 7 maggio 1964)
Fabrizio Bertot (Torino, 23 febbraio 1967)
Ubaldo Emilio Borchi (Genova, 30 luglio 1958)
Marina Chiarelli (Novara, 30 dicembre 1975)
Novella Ferrini (Ivrea, 5 agosto 1975)
Carlo Fidanza (San Benedetto del Tronto, 21 settembre 1976)
Pitero Fiocchi (Milano, 22 maggio 1964)
Agostino Ghiglia (Torino, 4 luglio 1965)
Rosaria Lombardi (Foggia, 9 novembre 1964)
Stefano Giovanni Maullu (Milano, 15 marzo 1962)
Nicoletta Molinari (Lecco, 13 aprile 1970)
Federica Picchi (La Spezia, 18 gennaio 1975)
Mafalda Poli (Latisana, 27 febbraio 1970)
Paola Renata Radaelli (Milano, 6 dicembre 1960)
Giuseppe Romele (Pisogne, 18 marzo 1951)
Roberto Rosso (Casale Monferrato, 20 settembre 1960)
Maurizia Rota (Milano, 3 settembre 1959)
Daniela Garnero Santanché (Cuneo, 7 aprile 1961)

Movimento Cinque Stelle
Maria Angela Danzì (Librizzi, 5 luglio 1957)
Eugenio Casalino (Sondrio, 11 aprile 1964)
Elenora Evi (Milano, 20 novembre 1983)
Tiziana Beghin (Genova, 4 febbraio 1971)
Silvia Malivindi (Bordighera, 4 dicembre 1982)
Christian Di Feo (Soresina, 21 ottobre 1985)
Paola Macchi (Gallarate, 23 marzo 1959)
Marcella Gilardoni (Torino, 8 luglio 1964)
Andrea Togno (Giussano, 1° ottobre 1978)
Giuseppe Renato Mastruzzo (Niscemi, 8 giugno 1957)
Daniele Tromboni (Milano, 7 maggio 1986)
Paola Pizzighini (Parma, 17 settembre 1964)
Alessandro Di Pierro (Moncalieri, 28 maggio 1986)
Marco Mesmaeker (Genova, 9 novembre 1990)
Andrea Palumbo (Torino, 26 dicembre 1987)
Simona Barello (Torino, 8 settembre 1978)
Nicola Clerici (Savigliano, 13 giugno 1977)
Maria Cristina Migliore (Cuneo, 9 gennaio 1961)
Monica Ferraris (Gazzaniga - 24 novembre 1982)
Piero Puozzo (Torino, 2 agosto 1972)

timeline

podcast "listening"