Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Union Valdôtaine, Alpe, Stella Alpina, UVP e PNV vogliono "verificare con cittadine e cittadini il percorso federativo intrapreso dall'autunno 2018"

comunicato stampa

Roberto Cuneaz (Alpe), Marco Curighetti ("Pour Notre Vallée"), Erik Lavevaz (Union Valdôtaine), Carlo Marzi (Stella Alpina) e Giuliano Morelli (Union Valdôtaine Progressiste) si sono incontrati per confrontarsi sul percorso e le scadenze da affrontare dopo la pausa agostina.

Lo comunica, in una nota il presidente unionista Erik Lavevaz: "in tal senso, auspicando si diano riscontri concreti in autunno al "programma di sviluppo politico" votato all'unanimità dal Celva nel 2018 - si legge ancora - così come la proposta di riforma elettorale degli Enti Locali del febbraio 2019, credono sia opportuno inizi il lavoro per le prossime elezioni comunali di maggio 2020. Lavoro questo che dia risalto alla ricerca di soluzioni e programmi concreti che vadano oltre i particolarismi e le appartenenze politiche".

"Ecco perché - conclude la nota - credono sia partendo dal territorio, ascoltandone le cittadine e i cittadini, che debba essere condiviso e verificato il percorso federativo intrapreso dall'autunno 2018".